Lean Production

Il termine lean production, in italiano produzione snella, è in contrapposizione al vecchio concetto di produzione di massa, teorizzato da Henry Ford. Sebbene la produzione di massa sia ancora utilizzata in molte aziende, ormai è decisamente superato dalla lean production. Alla base di tutto due concetti chiave: lotta agli sprechi e creazione di valore. Apparentemente sembrano concetti elementari, ma approfondendo il tema della lean production, ci renderemo conto come non lo siano per niente.

In Europa abbiamo cominciato a parlare di lean production negli anni novanta, grazie alla pubblicazione The machine that changed the world di James P. Womack e Daniel T. Jones (traduzione in italiano La macchina che ha cambiato il mondo); in realtà le origini risalgono a diversi decenni prima. Womack e Jones hanno focalizzato l’attenzione sulla lean production, dopo aver cercato di capire come mai la Toyota fosse così avanti rispetto alle case automobilistiche occidentali. Per anni si è discusso su quali fossero i punti di forza della Toyota e ne sono stati trovati molti, ma alla fine di tutto la conclusione è stata che la Toyota era più dinamica ed efficiente rispetto alle aziende occidentali, non solo grazie ai fattori di diversità culturale del Giappone rispetto all’occidente, ma anche e soprattutto, grazie alla lotta agli sprechi, lotta che la Toyota ha

intrapreso nelle sue fabbriche fin dagli anni cinquanta. In Giappone si parlava di TPS (Toyota Production System); in occidente oggi lo chiamiamo lean production, ma i concetti alla base sono gli stessi. Possiamo anche definirlo WCM (World Class Manufacturing) cioè un’evoluzione del modello lean, proprio del principale gruppo automobilistico d’Italia, la Fiat.

E’ bene specificare come lean non sia solo un sistema di produzione, ma un vero e proprio modo di pensare, tanto da essere anche definito lean thinking. I principi che sono alla base della lean production sono il valore, la mappatura, il flusso, la produzione “tirata” e la perfezione, o meglio il miglioramento continuo, concetto che ci riporta al Kaizen. Sviluppare una cultura lean, in questo caso riferita alla lean production, ha come tutte le cose pro e contro: già da questa breve introduzione è facile immaginare i pro, quindi maggiore motivazione e maggiore coinvolgimento dei lavoratori, riduzione degli sprechi, creazione di maggiore valore… tuttavia ci sono anche dei contro. Ad esempio quando si inizia un processo in ottica lean, è bene mettere in conto che ci potranno essere persone che opporranno resistenza a questa trasformazione. Bisogna insistere e perseverare, senza scoraggiarsi. Il processo è lungo e richiede tempo, ma è fattibile. Per coinvolgere maggiormente queste persone resistenti alla lean production, si può pensare di partire a trasformare e a cambiare attività i cui cambiamenti, talmente visibili a tutti, non potranno che convincere gli scettici.